Telefonate mute e stalking

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

telefonate mute

Lo stalking si può attuare anche in forma di telefonate mute in cui si chiama la vittima delle molestie e non si parla: quando le telefonate mute rientrano nello stalking.

Le telefonate mute sono una forma di stalking e rientrano quindi nel reato di atti persecutori ai danni di una persona che diventa vittima delle molestie. Per perpetrare il reato di stalking non è necessario effettuare un alto numero di telefonate mute, tutto dipende infatti dall’effetto che questo comportamento ha su chi lo subisce.

A lungo infatti la giurisprudenza si è interrogata su come quantificare il reato di stalking, ovvero quante molestie fossero necessarie per poter parlare di atti persecutori, ma lentamente questa linea di pensiero è stata abbandonata almeno in parte e ci si è concentrati non tanto sulla quantità numerica degli atti, quanto sulle conseguenze che questi avevano sulle vittime.

Continua a leggere >

Fonte: miseparo.pianetadonna.it

Photo by Maritè Toledo

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi