Quali sono i limiti nel recupero crediti?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

limiti nel recupero crediti

Le società che si occupano di sollecitare i debitori devono rispettare precise regole, per garantire riservatezza e non commettere azioni di stalking. Ma quali sono i limiti nel recupero crediti?

Fatta la premessa che i debiti si devono pagare, non tutti i comportamenti delle società di recupero crediti sono leciti. Infatti, periodicamente vengono segnalate alle autorità di vigilanza delle azioni a carico dei cittadini che superano i limiti di quanto è previsto dalla legge. è anche per questo che l’unione nazionale che riunisce le imprese del settore (Unirec) ha pubblicato un dettagliato vademecum realizzato in collaborazione con le associazioni dei consumatori.

L’attività di recupero stragiudiziale comprende tutti quegli interventi finalizzati ad ottenere, in via conciliativa, il pagamento di una somma non versata dal consumatore all’impresa committente al momento della scadenza o nei modi previsti dal contratto. Tutta l’attività deve avvenire sempre nel rispetto dei diritti inviolabili dello stesso consumatore.

Comunicazioni per lettera
I termini inseriti nelle lettere di sollecito servono ad avvisare della possibilità che il debito transiti a un livello successivo di ‘gravità’ e, generalmente, garantiscono almeno 15 giorni per procedere al pagamento. Le lettere che preannunciano, invece, un intervento legale rappresentano, di norma, l’ultimo tentativo di evitare la chiusura della fase stragiudiziale e garantiscono almeno 7 giorni per procedere al pagamento, salvo che la legge disponga diversamente.

Continua a leggere >

Fonte: ilfriuli.it

Photo by Delwin Steven Campbell’s

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi