Come difendersi dallo stalking? Alcuni consigli utili 2

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

come difendersi dallo stalkingCome difendersi dallo stalking? Ecco 12 mosse

I numeri atterriscono e più della freddezza dei dati, fa rabbrividire il pensiero che parlare e spronare alla denuncia non serva a far demordere quanti si rendono artefici di atti persecutori penalmente perseguibili e umanamente deprecabili.

Oltre 11 mila sono i casi finiti in un’aula di tribunale negli ultimi due anni, ben 51.079 le denunce effettuate dal 2009, da quando, cioè, in Italia è entrata in vigore la legge che ha introdotto il reato, tutti dettagli che evidenziano la crescita di un fenomeno che vede la sua conferma nei tragici fatti di cronaca tristemente all’ordine del giorno.

Le donne rappresentano l’84% del totale delle vittime e proprio perché non saranno mai abbastanza gli strumenti di prevenzione che si prefiggono di scongiurare pericolo e danno, è nato anche il manuale anti stalking e un’app gratuita che spiega cosa sia lo stalking, chi sia uno stalker e come sia possibile uscire da questo tunnel.

L’app ‘Stop stalking’ è disponibile in cinque lingue – italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo – ed è uno strumento che consente di chiedere aiuto in tempo reale, grazie alla collaborazione con il centro di ascolto e sostegno ‘Telefono Donna’ che ha prestato soccorso a oltre 91 mila persone dal 1992 a oggi.

Nell’84% dei casi, si tratta di donne con un’età media compresa fra 25 e 34 anni, il 30% è dipendente, il 24% casalinga: la maggior parte delle violenze avviene fra le mura di casa (come confermano i dati: il 60% delle vittime è sposata, il 72% ha figli) e sono soprattutto gli ex mariti o compagni che non accettano la separazione a colpire.

Tuttavia, a fronte di questa escalation di violenza, in Italia, solo il 7% delle vittime ha il coraggio di denunciare, motivo per il quale è stato messo a punto il manuale che, in 12 mosse, spiega come comportarsi e incita al coraggio che metta la parola fine ad un inferno senza fine.

1. Chiarire allo stalker di non avere più alcuna intenzione di proseguire alcun tipo di relazione con lui/lei.
2. Cercare di evitare contatti. Se lo si incontra, mantenere un atteggiamento neutro ma fermo e deciso, evitando di manifestare qualsiasi tipo di emozione. Non ricorrere a minaccie di alcun tipo.
3. Ignorare telefonate, sms, email. Ogni comunicazione, anche negativa, viene interpretata erroneamente. Può essere utile acquistare una seconda scheda telefonica.

4. Evitare un ultimo incontro con lo stalker, nonostante le numerose suppliche.
5. Studiare un piano di sicurezza che consenta di sentirsi sicuri facendo una lista dei numeri utili, e fornendo ad amici, familiari e colleghi informazioni sulla situazione. Dare loro una foto del molestatore.
6. Adottare altre misure preventive per tutelare la privacy e la sicurezza, rendendo sicure porte e finestre, usando una casella di posta privata, dando il proprio indirizzo solo agli amici più fidati, tenendo in macchina una borsa per le emergenze e del denaro.
7. Cambiare spesso le proprie abitudini di vita, percorrendo sempre strade diverse, cambiando i luoghi frequentati abitualmente, parcheggiando in posti sicuri e ben illuminati e cercando, se possibile, di non viaggiare da soli.

Continua a leggere >

Fonte: today.it

La Divisione Investigazioni per la Famiglia di P & P INVESTIGAZIONI fornisce servizi di indagine per casi di stalking e molestie, fisiche e sessuali.

Contattaci per avere maggiori informazioni e richiedere una consulenza.

Photo by Pierre Phaneuf
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

2 thoughts on “Come difendersi dallo stalking? Alcuni consigli utili

  1. Reply Simonetta Pancotti Nov 13, 2014 19:56

    Attraversamenti
    Ci sono percorsi che hanno la terra come base
    e quindi sono descrivibili in modo abbastanza facile;
    ci sono percorsi che hanno l’acqua come base
    e quindi sono descrivibili con una certa conoscenza dell’elemento;
    ci sono percorsi che hanno l’aria come base
    e quindi sono descrivibili soltanto se ci sono conoscenze e
    competenze dell’elemento;
    ci sono percorsi che hanno l’etere come base e non sono descrivibili senza entrare, il più delle volte, in contraddizione con le parole..
    Questi percorsi si comprendono soprattutto facendone esperienza, sia diretta che indiretta, cioè attraverso la conoscenza della vita di altri che la stanno percorrendo.
    Lo stalking occulto appartiene all’attraversamento aereo..
    Si serve dei suoni, dei tempi, dei ritmi con cui emettere suoni effettivamente molesti o per molestare attraverso tempi e ritmi pre-definiti ed ossessivi durante l’arco della giornata e poi per tutti i giornia venire.. e si serve di ambiti ristretti, per quanto riguarda la ricezione e di ambiti enormi per quanto riguarda la fonte delle emissioni; ma sempre il perseguito deve avere l’impressione che ci sia un andamento in senso binario; non c’è folla nello stalking occulto.
    C’è soltanto l’1 e lo 0. Cioè il persecutore ed il perseguitato. SEMPRE.
    Lo stalking occulto è una macchinazione che clona la vita del perseguito e riduce lo spazio ed il tempo delle sue manifestazioni, fino a COSTRINGERLO ad avere soltanto delle azioni relative alla sopravvivenza fisica e niente altro..
    Per cui ha lo scopo di portare il perseguito in uno stato psicofisico relativo ad una dimensione bestiale e di vittima, il più delle volte vittima di se stesso, in quanto lo stalking resta occultato e non emerge MAI..
    lo stalking occulto è effettuato soprattutto da persone che hanno una capacità ridotta di socializzare con il cuore.
    L’empatia è una dimensione sconosciuta; l’apparente benevolenza CHE USANO PER SIMULARE ESTRANEITà A QUESTA VIOLENZA, PERPETRATA POI NELL’ANONIMIA DEL LORO ESSERE, è soltanto opportunismo ben camuffato, fosse anche soltanto per compiacersi emotivamente di gratificazioni morali, etiche ma sempre di bassa lega e collegate al fisico, alla gratificazione fisica, materialistica, personalistica, e in ogni caso per sentirsi meglio di un altro.. anche se poi in realtà questo meglio non c’è..
    Dato che gli assoluti non esistono, costoro senz’altro possono esibire comportamenti meritevoli; ma il tutto è delegato al quanto gli torna in tasca..
    sia in senso monetario che di potere sull’altro..
    Questo fenomeno è DILAGANTE., ma in quanto reso occultabile nel quotidiano, non risulta da nessuna parte, come problema grave e deleterio per ogni persona; sia che lo subisca direttamente, sia che lo subisca inconsciamente.
    Se l’umanità è arrivata a questa contraddizione esistenziale, tale che pur avendo delle qualificazioni scientifiche di altissimo livello i tre quarti del mondo non è evoluto in quanto è strumentalizzato da sistemi di potere disumano, questo di certo non è un caso.
    E in un mondo come questo non può non esistere un particolare tipo di tumore sociale e privato chiamato STALKING OCCULTO.
    Il problema è che non ci sono i motivi per debellarlo.. un po’ come le droghe pesanti.. ESSO FA SOLDI. E CONSENTE AI POTERI DI RESTARE IN PIEDI perchè impedisce una presa di coscienza dell’umanità come un’identità sola ..e senz’altro capace, se solo lo volesse, di riemergere da questo baratro spirituale in cui è caduta e in cui forse si estinguerà nei prossimi tempi a venire.

  2. Reply Simonetta Pancotti Set 14, 2015 16:17

    lo stalker non agisce soltanto per motivi pseudoaffettivi, ma anche per motivi di interesse economico e di potere. e’ per questo motivo che lo stalking occulto sembra una paranoia quando lo si vada a descrivere. Perchè lo stalker è coperto e camuffato. E si mostra soltanto alla sua vittima per sollecitarne una reazione, vista dall’esterno come azione di paranoia, di squilibrio.

Rispondi