Come riconoscere lo stalking sui social media?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

riconoscere stalking sui social

Come riconoscere lo stalking sui social media?

Si chiama cyberstalking e, a quattro anni dall’entrata in vigore della legge sullo stalking, è la forma più frequente di vessazione psicologica che è arrivata all’attenzione dei tribunali.

Mail, chat, profili social vengono analizzati dalle corti per verificare il loro grado di invasività nella vita delle vittime. Tuttavia sul punto è bene fare chiarezza. Nel 2012 la Corte di cassazione con la sentenza n. 24670 ebbe modo di escludere il reato di molestie (quindi a maggior ragione quello di stalking) nel caso di comunicazioni (moleste) inviate tramite Messenger perché il destinatario dei messaggi avrebbe potuto bloccare il mittente indesiderato evitando così il carattere invasivo della comunicazione.

Le stesse considerazioni valgono per Facebook, in cui l’utente può sempre bloccare un mittente sgradito. Non bastano alcuni messaggi molesti sui social network per configurare il reato di stalking (punito con la reclusione fino a 4 anni), ma a questi devono aggiungersi telefonate continue o pedinamenti per configurarsi questo reato. Sia le molestie che lo stalking possono insomma essere commesse su internet ma conta l’atteggiamento della vittima. Questo sembra emergere dalle motivazioni delle sentenze sull’argomento. Lo stesso vale per le molestie tramite mail. Per i giudici la vittima può decidere di non aprire la posta, quindi non sarà configurabile né il reato di molestie né quello di stalking.

Continua a leggere >

Fonte: ilsole24ore.com – Marisa Marraffino

Photo by * Polly *

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy