Concorrenza sleale: ex dipendente copia il software aziendale

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

concorrenza sleale ex dipendente

L’illecito scatta se i due programmi sono assolutamente intercambiabili proprio in riferimento al cuore o struttura di base del sistema; la concorrenza sleale c’è anche tra imprenditori che agiscono a livello diverso rispetto a quello della catena produttiva-distributiva.

Scattano la contraffazione e la concorrenza sleale a carico dell’ex dipendente che si mette in proprio e copia un software per la contabilità alla cui realizzazione ha collaborato quando lavorava per la società che lo ha realizzato. Anche le migliorie apportate al programma, in modo da renderlo parzialmente diverso dall’originale non escludono la condanna se sono state introdotte nel “cuore” del programma informatico.

A dirlo è la Cassazione con una recente sentenza (n. 13524/2014). In essa si chiarisce che la tutela sul diritto d’autore per i programmi per elaboratori è ad ampio raggio.

In pratica, la protezione per il software scatta, al pari di qualsiasi altra opera, quando l’opera originale – quella, cioè, copiata – ha tutti i requisiti per dirsi originale rispetto alle versioni precedentemente commercializzate sul mercato, anche se le nozioni su cui essa si basa sono semplici e comprese nel patrimonio intellettuale degli “addetti ai lavori”.

Insomma, tutte le volte in cui il software è frutto di un’idea personale e organizzata in modo autonomo rispetto alle precedenti, esso è tutelato dal diritto d’autore e, pertanto, ogni sua copia non autorizzata viene punita penalmente.

Continua a leggere >

Fonte: business.laleggepertutti.it

Photo by Matthew

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi