Cassazione: assegno di mantenimento ed educazione dei figli

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

assegno di mantenimentoNel caso di specie ad una prima pronuncia di separazione dei coniugi, pronunciata dal Tribunale e addebitante la separazione a carico del marito nonché l’affidamento del figlio in condiviso (minore poi effettivamente residente con la madre) è seguita la totale riforma in appello, la quale ha revocato l’addebito a carico del coniuge e disposto l’intervento dei servizi sociali al fine di vigilare circa il rapporto tra madre e figlio.

Avverso tale sentenza d’appello propone ricorso l’ex moglie, denunciando violazione di legge e difetto di motivazione in diversi punti della sentenza impugnata.

La Suprema Corte accoglie solo parzialmente il ricorso, in particolare il gravame proposto circa l’errata quantificazione dell’importo dell’assegno di mantenimento, stimato sulla sola base delle necessità del minore, senza tener adeguatamente conto del patrimonio di cui sono titolari gli ex coniugi. Pur rigettando gli altri motivi, la Corte, nell’espletamento dell’essenziale funzione nomofilattica che le è propria, si sofferma tuttavia ad esplicitare i motivi di diritto alla base della corretta valutazione del giudice del merito.

Continua a leggere >

Fonte: sudtv.it

Photo

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy & Cookie Policy