Atti giudiziari nulli se notificati con le poste private

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

atti giudiziari nulli

Atti giudiziari nulli se notificati con le poste private

La giurisprudenza ha assunto una posizione che rischia di compromettere seriamente la validità di centinaia di migliaia di atti notificati dagli enti locali negli ultimi anni. Enti che, come molti cittadini e contribuenti si saranno accorti, sono soliti far ricorso alle poste private per notificare atti tributari, contravvenzioni o atti giudiziari.

Secondo, infatti, sempre più giudici, è inesistente la notifica eseguita a mezzo delle poste private.

Il principio, qualche mese fa scritto dalla Cassazione con riferimento solo alle cartelle esattoriali, è ora stato esteso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Benevento con riferimento a qualsiasi atto giudiziario (sia in materia civile, che amministrativa o penale) o tributario.

Secondo i giudici campani, la notificazione di atti e di comunicazioni a carattere giudiziario o tributario, deve intendersi eseguita esclusivamente attraverso il servizio reso da “Poste Italiane” e non anche da parte di poste private.

La commissione provinciale ha così accolto il ricorso di un contribuente che si era visto notificare dal Comune di residenza – a mezzo di soggetto privato – due avvisi di accertamento Tarsu derivanti dall’infedele presentazione della denuncia.

Continua a leggere >

Fonte: laleggepertutti.it

Photo by Daniel & Sharon Burka

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy