Recupero crediti: forme di comunicazione ritenute lesive della dignità dei debitori

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

recupero crediti debitori

Nella sala Koch di Palazzo Madama, l’Autorità Garante per la privacy ha presentato martedì 10 giugno 2014 la sua Relazione annuale relativa all’attività svolta nel 2013, in cui ha fatto un’analisi dell’anno appena trascorso con particolare riferimento alle azioni intraprese nel campo del recupero crediti e della tutela del consumatore.

In relazione al primo trimestre 2013, viste le numerosissime segnalazioni che sono continuate a pervenire, nonostante la vigenza del provvedimento generale adottato il 30 novembre 2005 (liceità, correttezza e pertinenza nell’attività di recupero crediti), l’Autorità per il trattamento dei dati personali ha avviato un’attività istruttoria tesa a verificare non solo la liceità del trattamento dei dati personali posto in essere dalle società che svolgono, eventualmente in qualità di “responsabili del trattamento”, le concrete attività di recupero crediti, ma anche in che termini le società creditrici, ove titolari, vigilino sull’operato delle predette.

All’esito degli accertamenti, il Garante per la privacy ha adottato due provvedimenti, con i quali ha inibito l’uso di forme di comunicazione ritenute lesive della dignità dei debitori.

Con il primo (cfr. provv. 11 aprile 2013, n. 181, doc. web n. 2497407), il Garante per la protezione dei dati personali, nel ribadire i principi già affermati con il citato provvedimento del 2005, ha rilevato l’illiceità del comportamento della società incaricata di procedere al recupero del credito, la quale, nel tentativo di contattare la debitrice, aveva interloquito con il figlio e la nuora di costei, rendendoli edotti – in carenza di consenso dell’interessata – dell’esistenza di alcuni ratei di un finanziamento non pagati e del loro complessivo ammontare.

Continua a leggere >

Fonte: indebitati.it

P & P INVESTIGAZIONI fornisce un servizio di indagine patrimoniale di impresa o persona fisica per recupero crediti. Acquista ora online in servizio!

Photo by Martin Kingsley 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi