Perdite su crediti: i chiarimenti del Fisco

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Perdite su creditiUna nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate, la n.14 del 4 giugno, si concentra sulla disciplina delle perdite su crediti, al fine di evidenziare come le novità introdotte con la Legge di Stabilità 2014 abbiano inciso su questa particolare disciplina.

In particolare, ampio spazio è lasciato alla nuova disciplina delle svalutazioni e perdite su crediti per gli enti creditizi e finanziari, mentre, con riferimento alla disciplina generale, alcuni punti controversi continuano a essere senza una soluzione.

Le novità della Legge di stabilità
Come noto, con la Legge di stabilità 2014 è stata consentita la deducibilità delle perdite su crediti iscritte in bilancio secondo i principi contabili nazionali.

Tuttavia, come più volte abbiamo avuto modo di sottolineare, il principio contabile OIC n.15, dedicato, appunto, alle perdite su crediti, sarà interessato da alcune rilevanti modifiche, le quali potranno trovare applicazione nei bilanci chiusi al 31 dicembre 2013 solo in via opzionale.

Tali modifiche al principio contabile appaiono estremamente rilevanti, in quanto espressamente stabiliscono che il credito può essere stralciato solo nel caso in cui i diritti contrattuali sui flussi finanziari derivanti dal credito si estinguono, oppure la titolarità dei diritti contrattuali sui flussi finanziari derivanti dal credito è trasferita e con essa sono trasferiti sostanzialmente tutti i rischi inerenti il credito.

L’attuale principio contabile OIC n.15, al contrario, non richiede il trasferimento del credito unitamente al trasferimento dei rischi inerenti lo stesso, e consente di cancellare dal bilancio anche i crediti ceduti pro solvendo.

La circolare 14/E interviene sul punto, chiarendo che, nel caso di cessione pro solvendo dei crediti, l’eventuale rilevazione di una perdita su crediti andrà considerata come fiscalmente indeducibile, in quanto, pur avendo rispettando quanto previsto dall’OIC 15 non si può parlare di un’espunzione in senso proprio, ma piuttosto di una riclassificazione di una posta patrimoniale senza che ciò possa interessare, in generale, alcuna voce di conto economico.

Continua a leggere >

Fonte: fiscal-focus.info

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi