Uccise la madre credendola il diavolo: avrà comunque l’eredità della donna

Uccise la madre credendola il diavolo: avrà comunque l'eredità della donna
CASTELFIDARDO – Ha ucciso la madre colpendola ripetutamente con il braccio ingressato. Figlio unico, avrà ugualmente tutta l’eredità della donna. Questo perchè era totalmente incapace di intendere e volere mentre uccideva la madre che, secondo lui, si era convertita alla religione dei testimoni di Geova, trasformandosi così nella Bestia, nel diavolo. Il consulente nominato dal ...

Stalking: basta la volontà di avere comportamenti minacciosi

Stalking: basta la volontà di avere comportamenti minacciosi
Per far scattare il reato di stalking non è necessario che il persecutore sappia prima quale è il risultato che vuole raggiungere: basta la volontà e la consapevolezza di assumere comportamenti minacciosi in grado di condizionare la vittima. La Corte di cassazione, con la sentenza 20993, aggiunge un altro tassello utile all’individuazione del reato di ...

Stalking su due anziani: dominicana allontanata da casa

Stalking su due anziani: dominicana allontanata da casa
Per sette anni una coppia di Bellante è stata oggetto di dispetti di ogni tipo da parte di una 49enne vicina di casa, che è arrivata a minacciare di far esplodere il loro appartamento. BELLANTE – Anziani vittima di stalking per sette anni, periodo in cui sono stati oggetto di atti persecutori da parte della ...

Cerca di picchiare la ex: lei lo acceca con lo spray al peperoncino

Cerca di picchiare la ex: lei lo acceca con lo spray al peperoncino
I poliziotti lo hanno fermato quando era stato praticamente ‘accecato’ con lo spray urticante al peperoncino dalla sua vittima, l’ex fidanzata stanca e impaurita dai continui pedinamenti. Fermato per per stalking, l’uomo non ha opposto resistenza ed è stato portato via dagli agenti del commissariato centro. J.G, cingalese 55enne, non aveva mai accettato la fine ...

Assipan: vendita pane precotto in gdo è concorrenza sleale

Assipan: vendita pane precotto in gdo è concorrenza sleale
Roma, 16 mag. (Labitalia) “In un momento di forte crisi economica che coinvolge tutte le categorie, i panificatori, già sottoposti a un gravoso regime fiscale, a restrizioni di accesso al credito, alla diminuzione dei consumi, a complesse e rigide procedure burocratiche, devono confrontarsi con la costante concorrenza sleale da parte della grande distribuzione che commercializza ...

Eredità dalla zia d’America: diciotto anni per incassarla

Eredità dalla zia d'America: diciotto anni per incassarla
ANCONA – Diciotto anni per incassare un’eredità lasciata da una zia morta negli Usa, e non è finita. Una battaglia «bancaria» che dura dal 1995 per recuperare i soldi depositati in un libretto in America ricevuto in eredità. È la vicenda che vede protagonisti loro malgrado gli eredi di un’anziana corinaldese vissuta per anni negli ...

L’infedeltà all’azienda costa il licenziamento

L’infedeltà all’azienda costa il licenziamento
La definizione di fedeltà all’azienda e le sanzioni ai danni dei dipendenti che violano i doveri di correttezza nei confronti del datore di lavoro. Una recente sentenza della Corte di Cassazione chiarisce la spinosa questione del licenziamento per infedeltà all’azienda, sottolineando l’importanza dei doveri di correttezza e buona fede da parte di un dipendente nei ...

Licenziamento pseudo-dirigenti: vige la tutela reale

Licenziamento pseudo-dirigenti: vige la tutela reale
Ai dirigenti per convenzione si applicano le stesse forme di tutela sul licenziamento dei dipendenti subordinati: ecco cosa dice la Cassazione. Una recente sentenza della Corte di Cassazione mette nero su bianco la validità della tutela reale in caso di licenziamento ai danni di un pseudo-dirigente, vale a dire un dipendente al quale il datore ...

Quando è legittimo licenziare i dirigenti?

Quando è legittimo licenziare i dirigenti?
Un’azienda ha il diritto di licenziare un dirigente se si vengono a verificare determinate condizioni che legittimano la chiusura anticipata del contratto. In particolare, sono tre queste condizioni e sono state esplicitate tramite una sentenza della Cassazione, la numero 25145, depositata il 23 dicembre del 2010. Sono i seguenti tre motivi per i quali un ...

La pausa caffè legittima il licenziamento

La pausa caffè legittima il licenziamento
Anche la classica pausa caffè rappresenta una giusta causa di licenziamento, ma solo se l’assenza temporanea del dipendente è tale da rallentare il lavoro. Lo ha affermato una recente sentenza della Corte di Cassazione emessa nei confronti di un impiegato di banca. Scopri la normativa sul licenziamento dei dirigenti per accorpamento incarichi Sebbene non condannando ...