Concorrenza sleale Eataly: sospeso Eataly New York

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

concorrenza sleale eataly

La New York State Liquor Autority (Sla) ha sospeso per 6 mesi la vendita dei vini multando per 500 mila dollari la cantina Eataly di New York per concorrenza sleale legata al conflitto d’interessi di Lidia e Joe Bastianich. Madre e figlio, giudice e chef per passione diventato produttore vitivinicolo in Friuli Venezia Giulia. Essendo infatti titolari di cantine, le leggi statali proibiscono la concessione di licenza di vendita di vini ad importatori e produttori diretti. Una violazione che non riguarda direttamente il titolare del brand Eataly Oscar Farinetti in quanto la cantina e il negozio Fontanafredda sono intestati ai figli. A essere coinvolto nel provvedimento sanzionatorio, anche il titolare del negozio Mario Batali, ingegnere italo-americano con la creatività nel sangue. Scrittore di libri di cucina, Batali è infatti personaggio molto ricercato dai talent show culinari come Master Chef. Un impasto mai riuscito tanto bene.

Se il trust è pratica diffusa in Italia, infatti, le norme a favore della libera concorrenza a New York hanno individuato un fondo fiduciario per gestire le attività di Eataly in mano ai Bastianich e a Bartali al quale le autorità statunitensi hanno contestato la responsabilità di “aver taciuto in merito alle informazioni” circa le attività di produzione dei suoi partner e quindi alla revoca temporanea della licenza del “wine store”.

Fonte: nottecriminale.it

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi