Microcamera per controllare il dipendente infedele: assolti tre dirigenti del Comune

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

microcamera controllo truffa

Microcamera per controllare il dipendente infedele: assolti i Dirigenti

I fatti risalgono al 2012, quando attraverso una microcamera, fu scoperta la truffa attuata dall’allora custode del cimitero di Ruffio, relativa alla manomissione del marcatempo e relativa contraffazione dell’orario di lavoro.

Sono stati prosciolti con formula piena i tre dirigenti del Comune di Cesena rinviati a giudizio nella primavera 2012 per i controlli svolti nella vicenda dell’allora custode del cimitero di Ruffio, arrestato dopo aver manomesso il marcatempo e contraffatto l’orario di lavoro. A pronunciarsi in tal senso, mercoledì mattina, il Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Forlì. Non appena ricevuta la notizia, il Sindaco Paolo Lucchi l’ha comunicata ai consiglieri comunali.

Si trattava dei tre dirigenti del Comune Gualtiero Bernabini (Edilizia Pubblica), Silvia Kranz (Ufficio per la prevenzione e la risoluzione delle patologie del rapporto di lavoro) ed Ernesto Grippo (ex comandante della Polizia Municipale). I fatti risalgono al 2012, quando attraverso una microtelecamera, fu scoperta la truffa attuata dall’allora custode del cimitero di Ruffio, relativa alla manomissione del marcatempo e relativa contraffazione dell’orario di lavoro. Truffa che comportò l’arresto da parte dei Carabinieri.

Ai dirigenti comunali sono stati contestati due reati, collegati con l’installazione della telecamera per sorvegliare il dipendente infedele: l’interferenza illecita nella vita privata; l’infrazione della norma dello Statuto dei lavoratori che vieta il controllo a distanza dei lavoratori.

Continua a leggere >

Fonte: cesenatoday.it

Photo by Intel Free Press
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi