Eredità digitale, social ed email: cosa succede dopo la morte?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

eredità digitale

Eredità digitale, social ed email: cosa succede dopo la morte?

Su Facebook ci sono 3 milioni di account di persone scomparse, se fosse un luogo reale sarebbe due volte il cimitero di Ohlsdof, in Germania, il più grande d’Europa. Si stima che sul social network di Mark Zuckerberg entro il 2065 gli account dei defunti supereranno quelli dei vivi. Questo perché la vita digitale aderisce sempre più a quella reale. Ed è un tema che non riguarda solo Facebook: tutto ciò che è online continua a rimanere sul web, anche dopo la morte. Oppure rischia di essere cancellato in automatico dai server: documenti, progetti, fotografie e materiale con un valore sentimentale o economico.

Quando il testamento non basta

“Siamo in un settore vuoto di diritto”, spiega il notaio Ugo Bechini, uno dei massimi esperti sui temi legati all’identità digitale. “Il problema più grande riguarda la proprietà intellettuale online, per esempio progetti di architetti o le fotografie caricate sul cloud”. Secondo Bechini la scelta migliore è anticipare il problema e scegliere un mandatario post mortem per il digitale, cioè una persona fidata a cui consegnare le proprie password. La nomina dev’essere fatta con un documento ufficiale, “che però non deve esser confuso con il testamento: il primo è un documento privato, il secondo diventa pubblico dopo la morte”.

E non è il caso di mettere a disposizione di tutti le chiavi d’accesso. Bechini però avverte che, per i beni patrimoniali, il discorso è diverso: “Dare le password del proprio conto corrente online non significa nominare un erede, in questo caso continuano a valere le leggi sulla successione”. Per esser più precisi: se chi ha ricevuto le chiavi d’accesso non è un erede legittimo e decidesse di usare l’online banking del defunto potrebbe essere accusato di truffa. “È una situazione che capita sempre più spesso quando muore qualcuno in una coppia non sposata e senza figli”, spiega Bechini.

Continua a leggere >

Fonte: corriere.it – Vincenzo Scagliarini

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi