Eredità al convivente: come garantirla?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

eredità al convivente

Successioni ed eredità al convivente: legato e donazione come strumenti a favore del convivente more uxorio.

Per garantire, all’apertura della successione, la titolarità di beni del compagno deceduto al convivente di fatto (cosiddetto “more uxorio”) superstite, esiste la possibilità di apporre nel testamento dei legati testamentari: per esempio di usufrutto sulla totalità o una quota del patrimonio con la possibilità di prevedere una dispensa per quanto concerne la redazione dell’inventario ovvero la prestazione della cauzione.

Lo stesso può dirsi per il legato del diritto di abitazione o del diritto di uso sulla casa dove si svolgeva la convivenza oppure su un altro bene. Si ritengono validi anche i legati di rendita vitalizia, alimenti, mantenimento.

Infatti, con la figura del legato, i conviventi “more uxorio” hanno la possibilità di regolare con maggiore autonomia le proprie disposizioni testamentarie in attesa che la leggi regoli in modo organico tutta la materia.

Continua a leggere >

Fonte: laleggepertutti.it

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi