Divorzio lampo a Palermo: 6 giorni per l’addio

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

divorzio lampo

Divorzio lampo in 6 giorni

Sei giorni. Anni di attesa, altri da attendere, ma alla fine è bastata meno di una settimana, per la prima coppia palermitana che si è detta addio con il «nuovo» divorzio: le norme sono entrate in vigore martedì 11 e ieri hanno trovato la prima pratica applicazione. Hanno fatto tutto gli avvocati, che hanno condotto la negoziazione: è bastato così che la Procura del capoluogo desse un nulla osta, per sciogliere il matrimonio tra un professionista e un’impiegata, senza figli, separati dal 2007. Sono i primi, a Palermo e forse nell’Isola, che non hanno avuto bisogno di andare davanti a un giudice, per concludere la loro esperienza matrimoniale, durata meno di dieci anni.

Dirsi addio senza un procedimento, senza trafile e sentenze, che gravano sull’efficienza della giustizia civile e arrivano in tempi non certo rapidissimi: lo prevede il decreto legge 132 del 12 settembre scorso, convertito in legge lunedì 10 novembre ed entrato in vigore il giorno successivo. È il cosiddetto divorzio lampo fai-da-te, in attesa del divorzio breve, che farà venire meno, nei casi di separazione consensuale, i tre anni previsti per adesso come termine minimo per sciogliere il matrimonio.

Sono gli avvocati, adesso, i protagonisti della «negoziazione», la caratteristica essenziale della nuova normativa, perché punta a ridurre non solo i tempi ma anche la conflittualità nelle coppie che scoppiano. C’è ovviamente anche un controllo di legalità da parte di un’autorità giudiziaria, non propriamente giurisdizionale, dato che a vagliare la rispondenza degli accordi alla legge non è un giudice ma l’ufficio del pubblico ministero.

Nel caso specifico, Luigi e Antonella (i nomi sono di fantasia) hanno dimostrato di essere una coppia senza figli e di non avere attribuzioni patrimoniali da farsi reciprocamente, perché avevano già diviso i beni comuni. Di fronte a questo, al procuratore aggiunto di Palermo, Dino Petralia, non è rimasto da fare altro che prendere atto che le condizioni c’erano: dato il nulla osta, Luigi e Antonella sono da ieri una ex coppia a tutti gli effetti.

Continua a leggere >

Fonte: palermo.gds.it – Riccardo Arena

Photo by Hohum
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi