Affidamento e servizi sociali: intervento in caso di separazione e divorzio

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

affidamento e servizi sociali

Affidamento e servizi sociali:

Separazioni e divorzi coinvolgono inevitabilmente i figli e se i genitori che si separano sono in una relazione conflittuale può rendersi indispensabile l’intervento dei Servizi Sociali per determinare l’affidamento dei figli. E’ quindi importante conoscere le procedure seguite dai Servizi Sociali nel caso in cui siano chiamati ad un’indagine in ambito familiare per decidere dell’affido dei figli.

AFFIDO CONDIVISO: COSA SUCCEDE SE I GENITORI NON ABITANO NELLA STESSA CITTA’

In alcuni rapporti di coppia, la prospettiva di una separazione e di una definizione dei reciproci diritti e doveri non sembra placare il clima di conflittualità esistente in ambito familiare, con inevitabili ripercussioni per la serenità dei figli che, a volte, divengono spettatori incolpevoli di infiniti contrasti e discussioni tra i coniugi.

In simili casi, quando la separazione si preannuncia complessa, al fine di stabilire quale sia il genitore idoneo all’affidamento e le modalità di visita dei figli, il Giudice può decidere di avvalersi della collaborazione dei Servizi Sociali.

Del resto, vi sono situazioni in cui l’alto livello di tensione tra genitori comporta inevitabilmente un’incapacità di gestire in maniera congiunta e condivisa il progetto di crescita dei figli, tale per cui diviene necessario disporre che il bambino venga affidato esclusivamente a uno dei due coniugi.
In questo senso può rivelarsi fondamentale l’apporto dei professionisti che operano all’interno dei Servizi, in grado di rappresentare al Giudice non solo la posizione degli adulti coinvolti nel conflitto ma anche, e soprattutto, il punto di vista dei minori.

In particolare, gli operatori sociali vengono incaricati dal Magistrato di redigere una relazione socioambientale e, a tale scopo, di effettuare indagini, tramite accertamenti sulla situazione del figlio e sui rapporti del piccolo con il padre e la madre. Infatti, una volta attivati, i Sevizi attuano un’accurata analisi psico-sociale, vale a dire una valutazione delle caratteristiche personali e relazionali dei soggetti coinvolti e che di norma comprende:

• colloqui con i genitori (individuali e di coppia);
• colloqui informativi con coloro che, a vario titolo, si rapportano alla famiglia interessata (es. parenti e insegnanti);
• visite domiciliari per un’osservazione del contesto di vita del minore e della sua famiglia.

Continua a leggere >

Fonte: miseparo.it

Photo by D. Sharon Pruitt

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy