Come recuperare i file cancellati dal pc?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Quando il pc diventa lento e fatica a svolgere le attività più semplici, può voler dire che l’hard disk ha quasi raggiunto il culmine della propria capienza. Quindi, è bene liberare un po’ di spazio e magari salvare i file in un’unità esterna. Compiendo questa operazione, però, può capitare di eliminare dati che avremmo invece voluto conservare. Ciò può succedere anche solo trascinando per errore un file nel cestino. In questo caso, fino a quando il file non viene eliminato definitivamente, è sempre possibile il ripristino dei file cancellati e inseriti nel cestino. Se, però, l’abbiamo svuotato, le cose si complicano un po’. Oggi vi daremo qualche semplice consiglio su come recuperare file eliminati e preservare i documenti importanti.

recuperare i file cancellati

Recupero dati cancellati: un utile strumento di Windows

Per cominciare, non c’è da allarmarsi una volta che ci accorgiamo di aver eliminato per errore un file. Questo perché l’hard disk del pc non cancella del tutto i documenti ma li rende solo invisibili, pronti per essere sovrascritti con altre informazioni. Quindi, se c’è una cosa che dobbiamo evitare è proprio salvare altri file o, addirittura, formattare il computer. La soluzione potrebbe essere più semplice di quello che sembra. I sistemi operativi presenti nei nostri pc sono dotati, infatti, di strumenti molto utili in questi frangenti. Con Windows 10, ad esempio, Microsoft ha aggiunto una preziosa funzione di ripristino file da cronologia. Grazie a questo tool è possibile eseguire una scansione dello storico per vedere quali file sono ancora presenti e salvarli in un’unità esterna, ad esempio una pennetta usb o un hard disk esterno. Occorre solo munirsi di un po’ di pazienza perché il processo rischia di essere molto lungo.

Altri interessanti tool per recuperare file cancellati

Ripristinare le informazioni contenute nel nostro pc è un procedimento simile al recupero file da hard disk esterno, scheda sd o pennetta usb. In pratica, fino a che non abbiamo formattato in modo “pesante” l’unità di memoria, i dati possono essere ancora accessibili. A tale scopo, ci vengono in soccorso alcuni software scaricabili gratuitamente dal web. Fra questi, ricordiamo Recuva, PhotoRec e Disk Drill, solo per citarne alcuni. Si tratta di strumenti molto efficaci, che, una volta installati nel pc, operano una scansione del disco alla ricerca di tracce dei file cancellati. Per portare a compimento il recupero dei dati, è necessario che il File System non sia corrotto. Parliamo, cioè, dell’indice dei file contenuti nell’unità di memoria. In tal caso, pur avendo a disposizione anche solo l’anteprima di tali documenti, sarà possibile recuperarli per intero.

Prevenire è meglio che curare

Nel caso in cui non riuscissimo a mettere in atto nessuna delle azioni illustrate in precedenza, potremmo sempre rivolgerci a professionisti del recupero dati, pronti a utilizzare strumenti tecnologici più avanzati per raggiungere l’obiettivo. Ricorrere a esperti del settore è una buona mossa da compiere se siamo in difficoltà, ma è ancora meglio tutelarsi in anticipo contro la perdita di dati. È sufficiente effettuare di tanto in tanto un backup su hard disk esterno delle informazioni presenti nel pc. La stessa operazione può essere compiuta anche online, sfruttando servizi in Cloud come Google Drive o One Drive di Microsoft.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi