Nespresso condannata per concorrenza sleale

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

concorrenza sleale nespresso

Nespresso France, Nestlè Nespresso e Nestlè SA, la casa madre, sono state condannate dal tribunale di Parigi a pagare una multa di 500.000 euro oltre a 40.000 euro di spese legali alla società svizzera Ethical coffee company (Ecc) per concorrenza sleale. Il fabbricante Ecc, che commercializza capsule di caffè compatibili con le macchine Nespresso, nel 2012 aveva sporto denuncia in Francia contro la divisione di Nestlè, accusando Nespresso di operare una campagna di denigrazione sistematica del suo concorrente.

Le capsule Ecc sono in vendita in nove Paesi (Italia inclusa), dal 2011. Nestlè ha tentato di impedirne la commercializzazione per via giudiziaria, sia in Svizzera sia in Germania, ma finora senza successo. Nespresso si è detta “delusa” dalla decisione dei giudici francesi. “Stiamo esaminando questa sentenza e abbiamo intenzione di fare appello”, ha fatto sapere un portavoce del gruppo, ma una sentenza simile ha visto il gruppo soccombere nei confronti di Vergnano, in Italia.

Secondo l’accusa Nespresso avrebbe instillato nei potenziali clienti di Ecc dubbio sulla compatibilità della cialde, sulla qualità del caffè, sulla biodegradabilità e anche sulla sicurezza delle capsule.

Continua a leggere >

Fonte: repubblica.it

Photo by Luca Mascaro

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi