Negozi in crisi: la concorrenza sleale non aiuta

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

concorrenza sleale negozi

I negozi chiudono? Colpa anche della concorrenza sleale degli extracomunitari.

Curioso Paese, l’Italia. Stupefacenti i suoi intellettuali e giornalisti. Per anni si sono esercitati al tiro al bersaglio sui commercianti. Ora scoprono che i negozi chiudono e si dilungano in dibattiti e articolesse sul valore del commercio, sul presidio che i negozi costituiscono contro il degrado e via di questo passo. “Ladri, evasori, profittatori”. Spesso era (ed è) vero.

E’ un fatto però che è stata la categoria più maltrattata di fine Novecento. Il paradosso scattò quando Bruno Visentini nel 1985 introdusse l’obbligo dello scontrino fiscale. Il provvedimento segnò l’ingresso dei commercianti nella grande categoria dei contribuenti ma allo stesso tempo fu interpretato come la certificazione che evadevano.

Continua a leggere >

Fonte: ilrestodelcarlino.it

Photo | Flickr, by Aldo Cavini Benedetti

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi