Il credit crunch e il ruolo degli esperti di finanza

Il credit crunch e il ruolo degli esperti di finanza
Per risolvere il rebus del credito non basta più un enigmista. Ci vuole un esperto di finanza, meglio se forte di competenze informatiche, dotato di uno spirito matematico ed esperto di geopolitica e mercati internazionali. Dietro allo spauracchio del credit crunch e del difficile rapporto con le banche, in questa carestia di liquidità la vera ...

Sindacati contro il Recupero Crediti del Comune: “È un atto illegittimo”

Sindacati contro il Recupero Crediti del Comune:
Per le casse di Palazzo Vecchio pronto piano di ‘recupero crediti’ da 9 milioni di euro: la somma verrebbe prelevata direttamente dagli stipendi di alcune migliaia di dipendenti, e sarebbero relative al percepimento di alcune indennità, sulla cui legittimità sono in corso indagini della Corte dei Conti e del Ministero dell’Economia, delle quali é già ...

La perdita su crediti si può dedurre dopo la rinuncia al credito

La perdita su crediti si può dedurre dopo la rinuncia al credito
Le perdite su crediti documentate con certezza e precisione sono deducibili anche in caso di rinuncia volontaria finalizzata a mantenere buoni rapporti con l’impresa debitrice in vista di future commesse di lavori. Si tratta, infatti, di scelte imprenditoriali inserite nella complessiva strategia aziendale che rispondono a criteri di ragionevolezza ed economicità. L’ordinanza 10256/2013 riconosce così ...

Nasce Equifanta: agenzia di recupero crediti per fantacalcio

Nasce Equifanta: agenzia di recupero crediti per fantacalcio
Milano Montuosa – Succede sempre così. Dopo trentotto giornate a chiedere ai ragazzi di saldare in tempo il loro debito, si arriva a fine maggio che ancora si devono ricevere soldi. Da quest’anno però esite Equifanta, che aiuta a risolvere questi problemi, la prima agenzia di recupero crediti nel mondo della fantasia calcistica. Un’idea di ...

Fisco: Equitalia in cerca di una nuova identità.

Fisco: Equitalia in cerca di una nuova identità.
La rivoluzione del fisco passa per una netta sterzata dai sistemi del passato, spesso tacciati di usura, soprattutto per Equitalia, il cui ruolo è stato pesantemente ridimensionato con l’abbandono della concessione per il recupero crediti a livello locale. Il vice ministro delle finanze Luigi Casero, però ha preventivato una netta inversione di rotta ed una ...

Condomino moroso e recupero crediti: quando proseguire nelle azioni di pignoramento?

Condomino moroso e recupero crediti: quando proseguire nelle azioni di pignoramento?
E’ davvero possibile che un condomino moroso possa farla franca perché il credito del condominio è troppo basso? Ciò, nonostante l’emissione di un decreto ingiuntivo non impugnato e quindi di fronte a quello che ha lo stesso valore di una vera e propria sentenza definitiva di condanna? Se l’è chiesto un amministratore che ci ha ...

Recupero crediti: arriva una nuova guida per i consumatori

Recupero crediti: arriva una nuova guida per i consumatori
Nel 2012 famiglie e imprese italiane hanno lasciato in sospeso pagamenti per circa 34 miliardi di euro nei confronti di banche, società finanziarie, multiutilities, telecomunicazioni e pubblica amministrazione. È questo il dato emerso dal terzo rapporto annuale sui servizi a tutela del credito di Unirec, l’associazione confindustriale di categoria delle imprese dei servizi a tutela del credito presieduta ...

Recupero crediti nell’UE: nuovo regolamento sul sequestro conservativo sui conti bancari

Recupero crediti nell'UE: nuovo regolamento sul sequestro conservativo sui conti bancari
Avete un credito pendente verso un’azienda oltre i confini nazionali? Le procedure di recupero crediti transfrontalieri è attualmente lunga, complessa e soprattutto onerosa: le PMI sono le prime a soffrirne, anche perchè spesso non è considerato conveniente avviare le procedure per crediti di piccola entità. Le difficoltà sono aggravate qualora il creditore voglia ottenere dei ...

Torna in voga la cambiale..

Torna in voga la cambiale..
Tornano le cambiali. L’uso del titolo di credito ha registrato un aumento del 5% rispetto al 2011. In crescita anche il valore per cui sono emesse, +2% rispetto al 2011. Allo stesso tempo crescono anche i protesti (si veda quanto anticipato da ItaliaOggi il 23$/2013). Sono questi i dati del rapporto predisposto dall’Ufficio studi Unirec ...