Licenziamento per assenteismo se la condotta del lavoratore malato è scorretta 1

Licenziamento per assenteismo se la condotta del lavoratore malato è scorretta
Con sentenza n. 1777/2014, la Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per assenteismo nei confronti del dipendente per lunghi periodi di malattia, qualora quest’ultimo assuma comportamenti scorretti che impediscono la prosecuzione del rapporto di lavoro. La Suprema Corte ha precisato che il recesso del datore è giustificato, in quanto la conservazione del posto durante ...

No alle dimissioni in bianco: passa la riforma alla Camera 1

No alle dimissioni in bianco: passa la riforma alla Camera
Dimissioni in bianco: approvata dalla Camera la legge sull’obbligo di utilizzare i fac-simile entro 15 giorni dalla data di consegna da parte del Centro per l’Impiego. La Camera ha appena approvato la legge che riforma l’istituto delle dimissioni dal lavoro: la riforma è volta a impedire la pessima pratica dei datori di lavoro di far ...

Licenziato perché fumava all’aperto sul luogo di lavoro: il giudice decide il reintegro

Licenziato perché fumava all’aperto sul luogo di lavoro: il giudice decide il reintegro
Licenziato perché fumava sul posto di lavoro, che era però un cantiere all’aperto, e reintegrato dal giudice. La vicenda giudiziaria, resa nota dalla Cisl di Milano, che si è conclusa con una sentenza del Tribunale di Monza a favore di un dipendente della Tagliabue S.p.A., impresa del settore metalmeccanico che occupa circa 200 persone, aveva ...

Legittime le investigazioni private sul dipendente per i permessi 104/92

Legittime le investigazioni private sul dipendente per i permessi 104/92
La Cassazione, con sentenza nr. 4984 dello scorso 4 marzo, riconosce il diritto del datore di lavoro di ricorrere anche alle investigazioni private sul dipendente per controllare l’utilizzo dei permessi di cui alla ex 104/92 sia a tutela del patrimonio aziendale che, per verificare l’adempimento delle prestazioni lavorative e quindi di accertare mancanze specifiche dei dipendenti, ...

Licenziamento legittimo di chi usa l’indirizzario dei dipendenti per criticare l’azienda

Licenziamento legittimo di chi usa l’indirizzario dei dipendenti per criticare l’azienda
Licenziamento legittimo del dipendente che ha trasferito l’indirizzario aziendale sul computer del sindacato di cui era dirigente per esprimere via e-mail forti critiche all’operato dell’impresa. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 20715/2013, ritenendo immune da vizi il ragionamento della Corte di Appello di Milano che ha giudicato sussistenti le ragioni ...

Articolo 18: le cause di licenziamento più diffuse

Articolo 18: le cause di licenziamento più diffuse
Quello relativo alle cause di licenziamento è un ambito complesso e spigoloso che, dopo la riforma Fornero, si è oltremodo complicato per effetto di nuove discipline di possibilità di allontanamento dal lavoro, oltre alla riscrittura dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori (L. 20 Maggio 1970, n. 300). Sono diverse le ragioni per cui un lavoratore dipendente ...

Licenziamento illegittimo se il lavoratore invia file aziendali al legale 1

Licenziamento illegittimo se il lavoratore invia file aziendali al legale
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 5179 del 5 marzo 2014, ha affermato che “la trasmissione di atti aziendali ad un difensore e la loro divulgazione sono condotte radicalmente diverse tra di loro” in quanto nel primo caso si radica l’informazione presso un professionista che è tenuto alla riservatezza ed anche, sul piano deontologico, ...

Timbrare il cartellino per il collega? Rischio di licenziamento

Timbrare il cartellino per il collega? Rischio di licenziamento
Timbrare il cartellino al posto di un collega: cosa può succedere? Se il dipendente timbra il “cartellino presenza” per conto di un collega può subire il licenziamento. Perché però tale licenziamento sia legittimo, è necessario che il datore di lavoro riesca a provare che il titolare del cartellino non era presente in azienda al momento ...

Congedo parentale: lavoratrice licenziata al rientro della maternità

Congedo parentale: lavoratrice licenziata al rientro della maternità
Corte di Giustizia UE, Terza Sezione, sentenza 27 febbraio 2014, causa C-588/12 (*) «Politica sociale – Direttiva 96/34/CE – Accordo quadro sul congedo parentale – Clausole 1 e 2, punto 4 – Congedo parentale a tempo parziale – Licenziamento del lavoratore senza motivo grave o adeguato – Indennità forfettaria di tutela per fruizione di un ...

Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: sentenza della Cassazione

Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: sentenza della Cassazione
Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: il potere disciplinare a distanza di tre mesi non ha alcuna ragione di legittimità. Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 8 gennaio – 27 febbraio 2014, n. 4724 Presidente Vidiri – Relatore Arienzo Svolgimento del processo Con sentenza in sede di rinvio del 11.3.2011, la Corte di appello di Roma dichiarava ...