Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: sentenza della Cassazione

Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: sentenza della Cassazione
Licenziamento disciplinare e principio dell’immediatezza: il potere disciplinare a distanza di tre mesi non ha alcuna ragione di legittimità. Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 8 gennaio – 27 febbraio 2014, n. 4724 Presidente Vidiri – Relatore Arienzo Svolgimento del processo Con sentenza in sede di rinvio del 11.3.2011, la Corte di appello di Roma dichiarava ...

Rabbia e dolore per Eddy, panettiere suicida. 1

Rabbia e dolore per Eddy, panettiere suicida.
Uno a posto, uno equilibrato, «nu bravo guaglione». A Casalnuovo di Napoli ieri lo descrivevano tutti così «Eddy» il panettiere suicida, e in questi casi si sa, è quasi un copione. Ma in fondo non è questo che importa. Importerebbe di più sapere cosa pensava lui ieri mattina quando è salito sull’auto alla solita ora, ...

Superiore inquadramento e danno non patrimoniale da mobbing

Superiore inquadramento e danno non patrimoniale da mobbing
Il dipendente che rivendica un superiore inquadramento deve illustrare, oltre alla declaratoria contrattuale del livello richiesto e alle mansioni espletate, anche le modalità di svolgimento delle medesime. Inoltre, in caso di lamentato mobbing, l’importo erogato a titolo di risarcimento del danno biologico ricomprende in sé anche l’eventuale danno morale, mentre il danno esistenziale può essere ...

Localizzazione dei dipendenti con il gps: il Garante blocca il datore di lavoro

Localizzazione dei dipendenti con il gps: il Garante blocca il datore di lavoro
Secco no all’uso di sistemi di localizzazione dei dipendenti senza l’accordo dei sindacati o l’autorizzazione della Direzione provinciale del lavoro. Il Garante per la privacy ha bloccato il trattamento dei dati effettuato da una società altoatesina che raccoglieva dati sui propri dipendenti tramite l’installazione di impianti Gps su alcuni veicoli aziendali. Il provvedimento dell’Autorità è ...

Videosorveglianza sul luogo di lavoro senza autorizzazione: responsabilità penale anche con telecamere spente

Videosorveglianza sul luogo di lavoro senza autorizzazione: responsabilità penale anche con telecamere spente
Con sentenza n. 4331 del 30 gennaio 2014, la  Corte di Cassazione  ha chiarito che l’installazione di una telecamera puntata sui dipendenti, o in luoghi di lavoro dove questi hanno accesso anche occasionalmente, effettuata senza aver ricevuto preventivamente l’autorizzazione dell’ispettorato del lavoro, o senza aver stipulato prima uno specifico  accordo con le rappresentanze sindacali, comporta ...

Dimissioni per giusta causa: cosa sono e qual è la procedura

Dimissioni per giusta causa: cosa sono e qual è la procedura
NOZIONE: è tale la causa che non consenta la prosecuzione, neppure provvisoria, del rapporto (art. 2119 c.c.). La valutazione dell’effettività della gravità dell’inadempimento del datore di lavoro ai suoi obblighi contrattuali è rimessa al sindacato del giudice del merito, censurabile in sede di legittimità solo per vizi di motivazione (Cass. 18.10.2002, n. 14829). La comunicazione ...

Non posso licenziarti? Allora ti mobbizzo: una testimonianza di mobbing

Non posso licenziarti? Allora ti mobbizzo: una testimonianza di mobbing
Era il 31 gennaio 2001 quando la dott.ssa Elena Onori mi disse di aver messo piede per la prima volta nello studio della psicoterapeuta. Piangeva molto, quando cercava di parlare diventava tutta rossa, le si bloccavano i muscoli del volto e della gola, non riusciva assolutamente ad esprimersi. Aveva tra le mani due diversi fogli ...

Impiegata subisce tre rapine: risarcita per la poca sicurezza dei dipendenti

Impiegata subisce tre rapine: risarcita per la poca sicurezza dei dipendenti
RAVENNA – Tre rapine in un anno – tra il 2002 e il 2003 – nell’ufficio postale dove lavorava, a Ponte Nuovo (Ravenna), le procurarono una seria patologia di carattere psichico che la indusse a pre-pensionarsi e a chiedere all’Inail un indennizzo, riconosciuto nella misura di meno di 4.000 euro. Una cifra ritenuta troppo esigua, ...

Sentenza choc della Cassazione: “Contratto a termine illegittimo, il lavoratore va risarcito”

Sentenza choc della Cassazione: “Contratto a termine illegittimo, il lavoratore va risarcito”
Ancora non è finita. Ma in attesa della sentenza della Corte di Giustizia Ue, prevista tra luglio e settembre 2014, un principio è stato assodato, il contratto a termine non è legittimo e il lavoratore precario va risarcito. “Finalmente una disposizione che ripristina la legalità” afferma il Segretario Generale di Federistruzone, Antonio Scarpellino a Retenews24. ...

Cos’è il periodo di comporto e come si calcola il suo superamento

Cos’è il periodo di comporto e come si calcola il suo superamento
Tutte le volte in cui un lavoratore dipendente è assente dal lavoro per malattia ha diritto a non esser licenziato per un periodo definito dai C.C.N.L. o dagli usi, detto “periodo di comporto”. Il lavoratore, se in malattia, non può essere licenziato. Il periodo durante il quale al datore di lavoro viene impedito appunto di ...