Microcamere spia: quando rivolgersi a un professionista

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le microcamere spia, nonostante possano essere utilizzate legalmente soltanto dalla polizia giudiziaria, sono ormai diventate strumenti alla portata di tutti: chiunque lo desideri può procurarsi una microcamera spia con estrema facilità e a prezzi anche molto contenuti. Grazie poi al progresso della tecnologia una microcamera può avere dimensioni davvero ridottissime e può, quindi, essere occultata praticamente in qualsiasi oggetto di uso quotidiano.

microcamera

Microcamera spia: chi è a rischio di essere spiato?

Come accennato, chiunque può procurarsi con facilità una microcamera spia. Si pensi ad esempio ad una persona particolarmente gelosa che decida di tenere sotto controllo il partner durante la propria assenza. Nascondere una microcamera in casa sarà davvero facile. Oppure a un ex coniuge che voglia provare l’infedeltà del proprio ex, magari anche con l’intenzione di utilizzare le informazioni ricavate con la microspia per ottenere che la separazione sia addebitata al fedifrago. Anche un socio (o ex socio) potrebbe trovare ottime ragioni per utilizzare microcamere nel proprio ufficio o in quello di altri. Lo stesso può dirsi per un datore di lavoro che voglia spiare i dipendenti o di un albergatore che voglia controllare i propri clienti. Insomma, chiunque può trovare una ragione per essere interessato a spiare qualcuno: nessuno, dunque, può sentirsi del tutto al sicuro da occhi indiscreti.

Microcamere occultate: come difendersi?

Innanzitutto, va chiarito che nessuna delle motivazioni esposte finora legittimano l’uso di microcamere occultate. La normativa italiana sulla privacy è molto chiara e molto severa: nessuno, al di fuori della polizia giudiziaria può intercettare audio o immagini della vita privata altrui senza il permesso della persona in questione. Chi contravviene a queste regole rischia pesanti conseguenze, anche penali. Nel caso ci si accorgesse di essere intercettati o si scoprissero microcamere occultate nel proprio ufficio o appartamento è bene rivolgersi immediatamente alle forze di polizia e denunciare l’accaduto. Non sempre, però, è facile accorgersi di essere spiati. Vediamo quali sono i modi migliori per rendersene conto.

Come accorgersi di essere spiati

Ci sono vari modi per scoprire se nei luoghi che si frequentano sono state nascoste microcamere. A partire da quelli più rudimentali, come setacciare ogni angolo e oggetto della casa o costruire rilevatori fai-da-te, a quelli più evoluti, come i rilevatori professionali di telecamere spia. Purtroppo in alcuni casi, nonostante la messa in campo di tutti gli accorgimenti possibili, non si riesce a stanare le telecamere nascoste. Possono, inoltre, verificarsi situazioni in cui il timore di essere spiati è legato a quello di essere in serio pericolo, ad esempio per un partner violento o per uno stalker. Quando, dunque, non si sia in grado di trovare le microcamere occultate, o quando non si abbia il tempo di tentare di risolvere il problema da soli, può essere utile rivolgersi a un professionista specializzato in bonifiche ambientali che con gli strumenti adeguati, in pochissimo tempo, potrà liberarvi del timore di essere spiati.

P&P Investigazioni non si serve di microcamere spia per lo svolgimento delle proprie indagini, nel pieno rispetto della normativa italiana.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi