Individuare e rimuovere le microspie per auto

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Negli ultimi tempi assistiamo a una notevole diffusione delle microspie per auto. Ciò è dovuto a diversi fattori, che vanno dalla relativamente semplice reperibilità di strumentazioni atte ad effettuare l’intercettazione, alla relativa semplicità di installazione della microspia nell’abitacolo di un’automobile, al fatto che spesso importanti conversazioni telefoniche o di persona avvengono all’interno di un’auto, luogo percepito come privato e riservato ma che offre numerose possibilità di intercettazione.

Le microspie per auto si suddividono in tre categorie principali: Microspie GSM, Microregistratori e localizzatori GPS. Assolvono ognuna a funzioni diverse e possono essere agevolmente occultate nell’abitacolo dell’automobile.

microspie per auto

Microspie per auto: tipologie e funzionamento

Microspie GSM

Il funzionamento di questo particolare tipo di microspie per auto si basa sulla rete GSM, utilizzata normalmente dai telefoni cellulari. Sono costituite da un microfono, il quale capta le conversazioni in auto, e da un modulo che effettua delle chiamate ad un numero preimpostato per consentire a quest’ultimo l’ascolto della conversazione in corso. Ne esistono varie tipologie, che variano per dimensioni, sensibilità, autonomia della batteria. Tuttavia una delle funzioni più importanti è l’attivazione automatica della chiamata quando il sensore microfonico percepisce la voce dei soggetti presenti in auto.

La dimensione molto ridotta e di conseguenza l’installazione relativamente semplice e il costo contenuto rendono le microspie GSM una delle tipologie più diffuse di microspie per auto.

Microregistratori

L’installazione di registratori elettronici dalla dimensioni molto ridotte consente di memorizzare le conversazioni avvenute in auto per periodi di tempo anche piuttosto lunghi. Le registrazioni vengono memorizzate su memorie a stato solido, non vengono trasmesse a distanza, pertanto richiedono il recupero della microspia per poter accedere alle informazioni registrate.

Anche questo tipo di microspie per auto possono disporre della funzione di attivarsi automaticamente quando percepiscono l’inizio della conversazione. In alternativa possono essere programmati degli orari di attivazione, corrispondenti con quelli di presunta presenza della persona spiata alla guida dell’auto.

Localizzatori GPS

Se invece delle conversazioni che avvengono in auto è necessario conoscere il tragitto che essa compie, i luoghi e i tempi di fermata, la microspia per auto più utilizzata è il localizzatore GPS, detto anche GPS Tracker. Questi strumenti utilizzano una sim GSM al loro interno per inviare in remoto la posizione del veicolo, e tramite un’app su dispositivo mobile o su PC è possibile verificare la posizione istantanea o avere un riepilogo di tutti gli spostamenti avvenuti in un certo lasso di tempo.

A differenza delle microspie per intercettare le conversazioni, la microspia GPS può essere installata anche all’esterno dell’auto, non necessitando quindi di disporre di un accesso, benché temporaneo, all’abitacolo dell’autoveicolo.

Bonifica ambientale dell’auto

Se si ha il sospetto che qualcuno possa aver occultato una microspia per auto nella propria vettura, è necessario rivolgersi a professionisti in grado di trovare le microspie in auto.

Il nostro servizio professionale di bonifiche elettroniche mette in campo le migliori professionalità e le strumentazioni più avanzate al fine di individuare i vari tipi di microspia. L’ispezione visiva è il primo step: l’occhio attento ed esperto dell’operatore conosce i nascondigli più utilizzati per l’occultamento, che sono quindi i primi posti in cui viene effettuata la ricerca. Tuttavia spesso questo può non bastare, quindi è necessario avvalersi di sofisticati strumenti di rilevazione elettronica in grado di captare i segnali in radiofrequenza utilizzati dalle microspie per inviare i dati in remoto.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi