Cosa sono i microfoni spia? Modelli in commercio e possibili utilizzi

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’utilizzo di microfoni spia, secondo la normativa italiana, è legittimo solo per la polizia giudiziaria. Nonostante questo, di fatto qualunque privato cittadino ha la possibilità di procurarsi uno di questi piccoli strumenti, spesso a prezzi più che accessibili. Prima di procedere a un acquisto di questo tipo però, potrebbe essere utile sapere come sono fatti i microfoni spia, quali modelli esistono in commercio e in che modo utilizzali al meglio.

microfoni spia

Come sono fatti e come funzionano i microfoni spia

La struttura di un microfono spia dipende molto dal modello che si decide di acquistare. Di solito è presente un corpo principale (con un microfono e un trasmettitore) che va posizionato nei pressi dell’intercettato e un corpo secondario (il ricevitore) presso cui le conversazioni rubate vengono “recapitate”. Riguardo alle dimensioni, anche queste possono variare di molto in base al modello e alla funzione della microspia scelta. Solitamente, però, si tratta di apparecchi molto piccoli che possono essere nascosti anche in oggetti di dimensioni ridottissime. Per avere un quadro più chiaro, vediamo dunque quali sono i principali modelli di microfoni spia presenti in commercio.

Microfoni spia: modelli in commercio

In commercio esistono moltissimi modelli di microfoni spia, adatti a diverse necessità investigative. I microfoni direzionali, ad esempio, sono microfoni spia a distanza, molto utili per intercettare conversazioni tra persone relativamente vicine all’intercettatore. La distanza massima dipende dalla qualità del microfono scelto (si parla di solito di qualche decina di metri), come anche la durata della batteria, le dimensioni del microfono e la qualità del suono intercettato (esistono, ad esempio, modelli con filtri “antivento”).

Esiste poi il microfono da muro, cui si può ricorrere se le conversazioni da intercettare avvengono in una stanza adiacente a quella in cui ci si trova. Anche in questo caso dimensioni, qualità del suono e durata della batteria possono variare molto in base alla qualità del modello acquistato. Solitamente, comunque, questo tipo di microfoni sono dotati di una sorta di stetoscopio che riesce a captare anche i suoni più labili.

Altro tipo di microfono spia molto diffuso è quello che può essere piazzato in un ambiente per registrare tutto quello che vi accade. Si tratta di microfoni spia (wireless o meno) che inviano al dispositivo ricevitore tutto ciò che intercettano spesso anche a enormi distanze (anche in questo caso, tutto dipende dalla qualità, e quindi dalle caratteristiche tecniche, del dispositivo acquistato).

Come utilizzare i microfoni spia?

Vista la grande varietà di modelli in commercio è chiaro quanto sia importante scegliere il microfono spia da acquistare in base all’utilizzo che si intende farne. È ad esempio sconsigliabile utilizzare microfoni spia per auto per l’intercettazione di conversazioni in ambienti molto grandi o addirittura all’aperto. I microfoni spia GSM sono perfetti se tra l’intercettato e la spia ci saranno probabilmente grandi distanze. Prima di procedere all’acquisto, dal momento che si tratta di operazioni illegali, suggeriamo di rivolgersi ad agenzie specializzate, che sapranno consigliarvi sul modo migliore per reperire le prove di cui avete bisogno in modo efficace e legale.

P&P Investigazioni non si serve di microfoni spia per lo svolgimento delle proprie indagini, nel pieno rispetto della normativa italiana.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi