Il gratuito patrocinio, la legge di stabilità e la difesa di chi non può.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

patrocinio gratuito

Tra gli altri tagli rigorosamente rivolti verso il basso il Governo Letta mette mano al settore giustizia, aumentando marche bolli e contributi unificati e quindi la possibilità di avviare cause civili a chi non abbia possibilità economiche (dopo aver imposto col “decreto del fare” costose “mediazioni” obbligatorie), ma soprattutto rendendo definitivamente impossibile il patrocinio a spese dello stato.

Di seguito un comunicato dei Giuristi Democratici che entra nel merito delle modifiche che il governo Letta imporrà, con tutta probabilità, a breve, col voto di fiducia sulla legge di stabilità.

Sempre meno giustizia per chi non ha soldi.

Non se ne è parlato molto, ma nella nuova legge di stabilità sono state introdotte, e già approvate al Senato, alcune importanti variazioni economiche anche in materia di giustizia: innanzitutto la riduzione di un 30% dei compensi per i difensori (ma anche per i consulenti tecnici, gli ausiliari e gli investigatori autorizzati) dei soggetti ammessi al cosiddetto “ gratuito patrocinio ”. Le spettanze che possono essere liquidate per la difesa dei soggetti non abbienti, già ridotte perchè calcolate in base ai valori medi e decurtate del 50% subiscono così un’ulteriore drastica riduzione. Gli effetti sono facilmente prevedibili: sempre meno avvocati, consulenti, investigatori privati si renderanno disponibili a difendere chi si trova nelle condizioni per accedere al patrocinio a spese dello stato; si parla di persone che possono vantare il non invidiabile primato di percepire un reddito lordo di poco più di 10.000 euro di reddito l’anno. Sempre meno difesa per chi non può, sempre meno garanzie, sempre meno diritti. Verso il basso, ovviamente.

Continua a leggere >

Fonte: globalproject.info

Photo by Ben Sutherland

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy