Garante Privacy EU: urgente riforma della protezione dei dati entro il 2014

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

protezione dei dati

Con un comunicato stampa, il Garante europeo della protezione dei dati (EDPS), afferma di apprezzare pienamente i progressi compiuti dalla presidenza greca del Consiglio d’Europa sulla riforma della legislazione sulla protezione dei dati dell’UE. In particolare, si legge nel comunicato “accogliamo con favore l’obiettivo del Consiglio di raggiungere una posizione generale sul pacchetto in modo da avviare negoziati con il Parlamento ben prima della fine del 2014”.

“Gli articoli 7 e 8 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea”, prosegue il Garante Europeo, “prevedono la tutela dei diritti dei tutti i cittadini UE e la riforma della protezione dei dati proposto è di vitale importanza nella salvaguardia di questi. Tuttavia, nonostante alcuni progressi, ci sono ancora una serie di questioni per le quali le soluzioni devono essere trovate”.

Il Garante Privacy Europeo, sollecita quindi il Consiglio a compiere progressi sostanziali su questi temi, non appena possibile e incoraggia a non lasciar indebolire quella che è attualmente una robusta e completa proposta di regolamento.

“Inoltre, il Consiglio deve garantire che il regolamento resti comprensivo del settore pubblico, promuova l’armonizzazione e la coerenza della protezione dei dati dell’UE attraverso il principio one-stop-shop e introduca il principio di responsabilità e strumenti per una forte esecuzione, al fine di garantire un migliore rispetto della normativa. Infine, il progresso deve essere fatto anche per quanto riguarda la proposta di direttiva sulla protezione dei dati, nell’ambito di applicazione della legge penale.”

Continua a leggere >

Fonte: federprivacy.it

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi