Disinnescava le intercettazioni pericolose bei boss. Condannato perito del tribunale

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

disinnescare intercettazioni

Quasi uno scherzo del destino, lui, perito tecnico, uomo di fiducia del Tribunale di Palmi, esperto nella decodificazione delle intercettazioni ambientali, è stato incastrato proprio da una cimice che ha registrato le conversazioni in carcere del boss Vincenzo Pesce e del figlio Savino, dalla quale emergeva chiaramente la collusione del perito con i clan Bellocco e Pesce di Rosarno.

La ‘ndrangheta pianese, era riuscita a comprare con fior di quattrini, l’abilità di Roberto Crocitta, che censurava o modificava le intercettazioni in modo da alleggerire la posizione di Domenico Bellocco e Francesco Pesce nelle indagini a loro carico.

Continua a leggere >

Fonte: strettoweb.com – Giovanna Legato

Scopri tutti i servizi della Divisione Bonifiche Elettroniche e Ambientali.

Photo by Ervins Strauhmanis

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy