Coppia di fatto e diritti: successione, casa, tutela figli e contratto di convivenza

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

coppia di fatto e diritti

Coppia di fatto e diritti

Le convivenze sono in continuo aumento nel nostro Paese e, secondo gli ultimi dati Istat, sono quasi raddoppiate nel corso degli ultimi 4 anni. Infatti, erano 500 mila nel 2007 e sono arrivate a circa un milione già nel 2011. Allo stesso tempo, invece, l’istituto del matrimonio sta conoscendo una crisi senza precedenti: nel medesimo periodo sono calati del 5 per cento ogni anno, e nel 2012 ne sono stati celebrati appena 200 mila. A fare chiarezza su una situazione ancora in divenire, soprattutto a causa del vuoto legislativo italiano in materia di coppia di fatto, ecco qualche consiglio contenuto nella guida “La convivenza, regole e tutele della vita insieme” elaborata dal Consiglio nazionale del Notariato.

Il contratto di convivenza

Pur non esistendo, allo stato dei fatti, una vera e propria normativa che riconosca le unioni civili al di fuori del matrimonio in Italia, è comunque possibile ricorrere al contratto di convivenza, rivolgendosi a un notaio. Si tratta di un contratto vero e proprio, atipico, che deve avere la forma dell’atto pubblico (pena la sua nullità) e attraverso questo patto si possono regolare i due principali aspetti della vita in comune: quello patrimoniale e quello personale. In merito ai diritti patrimoniali, ad esempio, si può definire come deve essere attribuita la proprietà dei beni acquistati durante la convivenza, o come comportarsi in caso di eventuale separazione. Il contratto stipulato dovrà essere rispettato dai due conviventi ed entrambi potranno rivolgersi a un giudice qualora il partner non rispettasse i doveri previsti. Si può sciogliere in caso di inadempienza, per sopravvenuta indisponibilità o eccessiva onerosità della prestazione.

Continua a leggere >

Fonte: forexinfo.it – Valentina Brazioli

Photo
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi