Call center, stop telefonate mute: in vigore le nuove regole del Garante Privacy

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

stop telefonate mute

Stop telefonate mute: l’Autorità ha definito le regole per una pratica commerciale che può arrivare a indurre stati di ansia e disagio nei destinatari, con continue chiamate senza nessuno dall’altro capo del telefono.

I call center dovranno rispettare le regole fissate dal Garante privacy per combattere il fenomeno delle cosiddette telefonate mute, una forma di grave disturbo degli utenti. Entrano infatti in vigore le regole decise lo scorso anno dall’Autorità per fermare il fenomeno, diventato estremamente invasivo e che genera “nell’utente particolari ansietà, allarme, sospetto, fastidio e disappunto, oltre alla frustrazione connessa al senso di impotenza e all’incapacità di reagire all’evento”, si legge nel testo del Garante.

Ma cosa sono le chiamate mute: le aziende di call center, per ottimizzare la forza lavoro, impostano i propri sistemi per avviare un numero di telefonate più alto degli operatori in effetti disponibili. Queste chiamate, una volta ottenuta risposta, possono essere mantenute in attesa silenziosa finché non si libera un operatore. Il risultato è appunto una “chiamata muta”. Serve a eliminare i tempi morti tra una chiamata e l’altra, secondo le aziende. E a tormentare gli utenti, secondo il Garante.

Le nuove regole prevedono cinque principi di buon senso:

1) i call center devono tenere precisa traccia delle “chiamate mute”, che devono comunque essere interrotte trascorsi 3 secondi dalla risposta dell’utente;

2) non possono verificarsi più di 3 telefonate mute ogni 100 andate “a buon fine”. Tale rapporto deve essere rispettato nell’ambito di ogni singola campagna di telemarketing;

3) l’utente non può più essere messo in attesa silenziosa, ma il sistema deve generare una sorta di rumore ambientale, il cosiddetto “comfort noise” (ad es. con voci di sottofondo, squilli di telefono, brusio), per dare la sensazione che la chiamata provenga da un call center e non da un eventuale molestatore;

4) l’utente disturbato da una chiamata muta non può essere ricontattato per 5 giorni e, al contatto successivo, deve essere garantita la presenza di un operatore;

5) i call center sono tenuti a conservare per almeno due anni i report statistici delle telefonate mute effettuate per ciascuna campagna, così da consentire eventuali controlli.

Continua a leggere >

Fonte: repubblica.it

Photo by Jonathan Henderson
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy