Vigile di Milano in malattia fa il bagnino in Calabria: le foto su Facebook lo incastrano

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

vigile in malattia

Vigile di Milano in malattia fa il bagnino in Calabria: le foto su Facebook lo incastrano

Il vigile di Milano è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione e 800 euro di multa per truffa. Un anno e tre mesi e sette mesi, oltre a sanzioni pecuniarie, per i due medici che avevano firmato i certificati

Con una sfilza di certificati medici sarebbe riuscito a prolungare di mesi, in genere quelli estivi, la malattia. Salvo poi essere scoperto mentre faceva il bagnino in uno stabilimento balneare in Calabria. Si è incastrato da solo perché ha postato sul suo profilo Facebook alcune fotografie in spiaggia Mirko Direnzo, vigile urbano ancora in servizio a Milano, condannato a un anno e mezzo di reclusione e a 800 euro di multa. per truffa ai danni dello Stato. Oltre che a lui, il giudice monocratico della seconda sezione penale Lorella Trovato ha inflitto a due medici un anno e tre mesi e sette mesi di carcere e 600 e 200 euro.

I due professionisti avrebbero attestato il falso al Comune da cui dipende la polizia locale di piazza Beccaria: avrebbero certificato che il ‘ghisa’ non era guarito completamente da piccoli infortuni sul lavoro, come un trauma distorsivo al polso o una contusione al ginocchio, permettendogli, in questo modo, non solo di non presentarsi in servizio per tre estati, quelle del 2006 (per quell’anno il reato è prescritto), 2008 e 2010, ma anche di ottenere “ingiustificatamente” lo stipendio mensile mentre si trovava a tirare su e giù pattini dalla spiaggia o a sistemare sdraio o appendere insegne in riva al mare. Un terzo medico, invece, è stato assolto con formula piena.

Continua a leggere >

Fonte: milano.repubblica.it – Mirko Direnzo, Lorella Trovato

La nostra agenzia investigativa si occupa di effettuare investigazioni in ambito aziendale, su dipendenti infedeli e assenteisti. Richiedi un preventivo gratuito!

Photo by Andrea Pavanello

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi