Stress da lavoro: ci costa troppo e aumenta l’assenteismo

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

stress da lavoroL’Ue lancia l’allarme: lo stress da lavoro diminuisce la produttività e costa 240 miliardi di euro all’anno, poco meno della metà  di questa somma è investita in cure mediche. E’ il secondo problema di salute collegato al lavoro dopo i dolori muscolari e ossei. «Lo stress oltre a danneggiare la salute dei lavoratori ha effetti negativi anche sulle imprese Ue» ha dichiarato Laszlo Andor, Commissario Ue per il Lavoro. Il 28% dei lavoratori in Ue negli ultimi nove anni è stato esposto a danni psicologici che hanno avuto pesanti conseguenze sul benessere psico-fisico.

L’agenzia Ue per la sicurezza e la salute sul lavoro ha lanciato una campagna “Healthy Workplaces”, si tratterebbe secondo la Commissione Ue, della più grande campagna europea, se non mondiale. Obiettivo è la sensibilizzazione di dirigenti e capiufficio «La perdita di posti di lavoro è causata spesso dallo stress, i benefici ricavati dalla prevenzione del fenomeno aiuteranno anche le imprese» ha dichiarato Dr Christa Sedlatschek direttrice dell’agenzia Ue che attraverso seminari e conferenze cercherà di istruire i manager e i capi unità su alcune regole da seguire per prevenire lo stress da lavoro e migliorare di conseguenza anche la produttività.

Continua a leggere >

Fonte: ilsole24ore.com – Irene Giuntella

Photo by LaurMG

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Privacy Policy