Assenteismo e truffe sul posto di lavoro

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

assenteismo e truffa

Quello dell’assenteismo e truffe sul posto di lavoro è un fenomeno tipicamente italiano, molto diffuso a Nord come al Sud, che sta emergendo negli ultimi anni grazie ai sistemi di videosorveglianza che documentano le “scappatelle” dei lavoratori. Un modus operandi che si fa a cuor leggero, non sapendo che l’assenteismo, quando si ha un posto pubblico, è un reato perseguibile, indicato dal Codice penale come truffa aggravata ai danni dello Stato e punita con la reclusione fino a cinque anni.

Tra i casi più eclatanti:

Reati presunti commessi da 81 dipendenti dell’ IACP (istituto autonomo case popolari) di Messina. 81 su 96. Una percentuale altissima di assenteisti scoperti dalla Guardia di Finanza che nel 2012 per 35 giorni ha pedinato e filmato i sospettatti, che lasciavano le loro scrivanie per andare l bar, fare shopping, dedicarsi a faccende personali;

Un medico urologo di Lavagna, Genova, timbrava il cartellino e poi andava a giocare a calcio. Per sette mesi, da maggio a novembre, i carabinieri lo hanno ripreso mentre entrava al pronto soccorso con il camice bianco e usciva vestito con la divisa della sua squadra. 229 ore regolarmente pagate dall’ospedale di Lavagna, trascorse invece sul campetto. I filmati registrati dai carabinieri del Nas lo dimostrano.

Continua a leggere >

Fonte: it.notizie.yahoo.com

L’agenzia investigativa P & P INVESTIGAZIONI svolge indagini su assenteismo e dipendenti infedeli e collabora con le Forze dell’Ordine, fornendo la più avanzata tecnologia applicata al campo delle indagini civili e penali.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi