P & P INVESTIGAZIONI ricerca Consulenti Commerciali

P & P INVESTIGAZIONI ricerca Consulenti Commerciali
L’ottica di forte espansione, spinge la P & P INVESTIGAZIONI S.r.l. ad ampliare e rafforzare l’ufficio commerciale di MILANO. Per raggiungere gli obiettivi aziendali prefissati, si vogliono conoscere risorse consapevoli ed entusiaste, che raccolgano le sfide e contribuiscano al proprio successo personale ed aziendale. Le risorse, coordinandosi con la Direzione Commerciale, dovranno assicurare la definizione ...

Cassazione: è violenza privata costringere il dipendente a partecipare alla riunione

Cassazione: è violenza privata costringere il dipendente a partecipare alla riunione
A deciderlo è la quinta sezione penale della Cassazione con la sentenza n. 32463 del 6 settembre 2013. Il dirigente del Comune che ha imposto all’impiegata di riprendere la riunione interrotta è stato quindi condannato a quattro mesi di reclusione, nonché al risarcimento del danno alla vittima costituitasi parte civile. E ciò, nonostante l’imputato sia ...

Il datore di lavoro risponde di omicidio colposo per la morte del dipendente ubriaco

Il datore di lavoro risponde di omicidio colposo per la morte del dipendente ubriaco
Il datore di lavoro è passibile di condanna per omicidio colposo se, nell’affidare i compiti ai suoi lavoratori, non ha tenuto conto della loro “salute” oltre che della loro “sicurezza” e in conseguenza di queste sottovalutazioni succede l’irreparabile ad un dipendente. È per questa ragione che la Cassazione, con la sentenza 38129/2013, ha reso definitiva ...

Yemen, basta spose bambine

Yemen, basta spose bambine
Troppo piccole per diventare madri e mogli, troppe volte abbandonate dalla giustizia che, in Yemen, corre quasi sempre sui contorni della tribù piuttosto che su quelli dello Stato. Uno Stato che non ha voluto neanche proteggerle con una legge. Oggi però, per le spose bambine, si intravede una speranza: il ministro yemenita per i diritti ...

Quelli che non hanno capito il femminicidio

Quelli che non hanno capito il femminicidio
In prima pagina su Repubblica di oggi Adriano Sofri torna a contestare l’atteggiamento “minimizzatore” (ne aveva già scritto qui) che alcuni commentatori hanno nei confronti del tema della violenza sulle donne, e lo contraddice nei fatti e spiegandone gli errori. Ieri le cronache erano un camposanto di donne uccise. Di mattina, la rassegna di Radio ...

Posso andare in tribunale per l’ accettazione dell’eredità ?

Posso andare in tribunale per l’ accettazione dell’eredità ?
“Vorrei se possibile una conferma in merito ad una pratica di successione. Il padre e il nonno di mio figlio sono deceduti il primo nel 2006 e il secondo nel 2010. In entrambi i casi mio figlio era minorenne. Le denunce di successione sono state regolarmente presentate (praticamente ci sono i due immobili e un ...

Denuncia il fidanzato ma poi lo sposa e lo perdona: i reati restano

Denuncia il fidanzato ma poi lo sposa e lo perdona: i reati restano
Cassazione penale , sez. V, sentenza 05.08.2013 n° 33804 L’aver afferrato per i capelli la donna per costringerla a rimanere con lui nell’autovettura costituisce esercizio di violenza fisica che, limitando significativamente la libertà fisica e morale della persona, è idonea ad integrare il reato previsto dall’art. 610 c.p. anche se la vittima, dopo la denuncia, ...

Infortunio sul lavoro e malattia professionale. Danno biologico: criteri di calcolo

Infortunio sul lavoro e malattia professionale. Danno biologico: criteri di calcolo
In caso di infortunio sul lavoro o di malattia professionale, per valutare il grado di inabilità subìto dal danneggiato bisogna prendere a riferimento una specifica tabella – denominata “tabella delle menomazioni” – che prevede tutti i quadri menomativi derivanti da lesioni e/o malattie professionali, comprendendovi sia i riflessi sulla capacità lavorativa, sia gli aspetti dinamico-relazionali, ...

Nessun mantenimento del figlio maggiorenne ed economicamente indipendente anche se riconosciuto giudizialmente.

Nessun mantenimento del figlio maggiorenne ed economicamente indipendente anche se riconosciuto giudizialmente.
E’ quanto stabilito dalla Suprema Corte con sentenza n. 20137 depositata in data 3 settembre u.s. Nello specifico, una donna, nata da una relazione tra la madre ed un uomo che non l’aveva riconosciuta, adiva il Tribunale chiedendo che fosse dichiarato il proprio stato di figlia naturale, con condanna del padre al mantenimento del figlio, ...

Eredità: 36 anni per la sentenza di I grado. Succede al Tribunale di Salerno

Eredità: 36 anni per la sentenza di I grado. Succede al Tribunale di Salerno
“C’è una famiglia italiana che dal 1975 attende di sapere se abbia o meno il diritto ad una quota d’ eredità lasciata dal capostipite ed in che termini”. Questo è solo l’inizio dell’incredibile contributo che il giornalista Peppe Rinaldi pubblica il 7 settembre scorso sul quotidiano “Libero”. Stravolge il punto di vista e ci invita ...